• Nuovo

Jalapeno jaladuro

Il peperoncino è una pianta perenne che deve essere posizionata in pieno sole e che ha bisogno di molta acqua durante la coltivazione, senza creare ristagni; non sopporta però i climi rigidi e per questo deve essere protetta nei periodi freddi dell’anno. 

 

Security policy (edit with Customer reassurance module)

 

Delivery policy (edit with Customer reassurance module)

 

Return policy (edit with Customer reassurance module)

Il peperoncino è una pianta perenne che deve essere posizionata in pieno sole e che ha bisogno di molta acqua durante la coltivazione, senza creare ristagni; non sopporta però i climi rigidi e per questo deve essere protetta nei periodi freddi dell’anno. La parte più piccante del peperoncino è la parte superiore del frutto e la placenta interna, che vanno quindi asportate se si intende diminuirne l'effetto piccante. Per aumentare invece il gusto piccante dei frutti, basta diminuire le innaffiature, anche azzerandole, nelle 48-72 ore precedenti la raccolta, stando attenti a non far morire la pianta. Per favorire la maturazione dei frutti, si può aumentare il tenore di potassio del terreno. Il principio attivo che da la piccantezza si chiamano capsaicina e la sua concentrazione più o meno alta viene misurata tramite la scala di Scoville. Il peperoncino Jalapeno è di origine messicana, ha una forma conica, è lungo dai 3 ai 7-8 cm, ha una polpa spessa e soda; successivamente alla maturazione può assumere un colore che varia dal verde scuro al rosso acceso; e' moderatamente piccante e lo si consuma preferibilmente “en escabeche” (in salamoia), oppure essiccato al sole poi affumicato con legni particolari (Chipotle). Il grado di piccantezza dello jalapeno si aggira generalmente tra le 2500 e le 10.000 Unità Scoville, con punte di 25.000 per alcuni esemplari: la capsaicina presente in quantità non elevatissime ne fa un peperoncino adatto a tutti, molto plasmabile anche in cucina.

Utilizzo in cucina

I modi di consumare jalapeno sono molteplici: sott’aceto, in salamoia, fritto ripieno di formaggio (piatto tipico dei ristoranti tex mex americani) e, soprattutto, essiccato al sole e affumicato con particolare legna (hickory o noce pecan, noto da noi come noce americano) diventando il famoso “Chipotle”. Il processo di affumicatura del peperoncino jalapeno con l’hickory è molto costoso (a causa del costo del legno stesso): è questo il motivo per cui il chipotle viene venduto piuttosto caro. E’ molto diffuso in numerosi paesi dal clima caldo, grazie alla sua capacità antibatteriche che gli permettono di conservare a lungo i cibo.

Effetti curativi

Il principio attivo che causa la piccantezza del peperoncino è un alcaloide, chiamato capsaicina, presente in quantità differenti nei diversi peperoncini; in dosi minime ha molte proprietà curative, in dosi massicce può provocare ustioni, è quindi bene utilizzare il peperoncino con qualche cautela: la preparazione di grandi quantità va effettuata con guanti o altre barriere, per evitare di venire in contatto con dosi eccessive di capsaicina. Il peperoncino favorisce la digestione stimolando la secrezione gastrica, è utile contro le malattie da raffreddamento, sinusiti, bronchiti. Favorisce la circolazione sanguigna, è un'efficace vasodilatatore. Grazie alla capsaicina stimola la circolazione sanguigna ed rende elastici i capillari sanguigni. Viene utilizzato nei rimedi omeopatici in caso di otite congestizia con dolore auricolare, rinofaringiti.